Vai al contenuto
Home » Comuni » Winterthur » Cosa vedere a Winterthur

Cosa vedere a Winterthur

Winterthur, vero e proprio crocevia di genti tra Svizzera, Germania e Italia, merita una visita grazie al suo centro storico e al castello di Kyburg.

La meravigliosa città di Winterthur si trova a soli 30 chilometri a nordest di Zurigo e ospita una delle più trafficate stazioni ferroviarie della Svizzera, la Winterthur Hauptbahnhof, che collega il Paese con l’Italia e la Germania.

Famosa per le sue industrie, la città riesce a fare coesistere magnificamente il suo carattere moderno a quello storico ed è anche un discreto centro culturale particolarmente ricco di musei, ben 17, tra cui il Museo della Fotografia, il Museo d’Arte di Winterthur, il Sammlung Oskar Reinhart e il Technorama.

Anche Villa Flora merita una visita: al suo interno sono esposte opere d’arte svizzere e francesi di artisti del calibro di Matisse, Cézanne, van Gogh e Redon.

Tra gli edifici più belli troviamo il Castello Kyburg, appollaiato sopra Winterthur nella valle della Töss, oggi museo.

Il vivace e seducente centro storico si sviluppa intorno alla Marktgasse, la chiesa principale della città, e offre buone opzioni per il divertimento e per lo shopping con numerose boutique e negozi di artigianato e gastronomia. Winterthur ha anche con un gran numero di parchi e giardini.

Castello di Kyburg

Ad appena 8 chilometri dal centro di Winterthur e a 20 minuti da Zurigo, sulla cima di una piccola collina rocciosa che sovrasta il fiume Töss, si trova il Castello di Kyburg o Kyburg Schloss. Questo castello feudale è il meglio conservato della Svizzera orientale ed è conosciuto sin dal 1027 e al suo interno è ospitato un museo. Da non perdere gli affreschi della cappella romanica, risalente al 1200, sono stati realizzati nel XV secolo e sopravvissuti almeno in parte alla Riforma. La vita quotidiana del medioevo è narrata da cavalieri e dame che vi condurranno a sperimentare le comodità del tempo, come la cucina o il letto, e ammirare la camera delle torture. I visitatori possono partecipare ad un processo giuridico, esplorare la cantina, il solaio o annusare le spezie che si usavano nella cucina medievale.

Museo d’Arte di Winterthur

Il Museo d’Arte di Winterthur è ospitato all’interno di un imponente edificio in stile neoclassico, ornato sulla facciata da un elegante colonnato, costruito nel 1915 e ampliato nel 1995 dagli architetti Gigon e Guyer, nel centro medievale  città e ospita un gran numero di capolavori dell’arte francese del periodo impressionista. Il Kunstmuseum di Winterthur è un vero scrigno d’arte moderna ed espone tele di Monet, Sisley, Cézanne, van Gogh e sculture di Eugène Delacroix e Alberto Giacometti. Del periodo cubista potrete ammirare alcune opere di Pablo Picasso, Mondrian, Braque, Léger e Gris. Diverse le opere di Arp, de Chirico, Ernst, Klee, Kandinsky e Magritte. L’edificio comprende anche il museo di storia naturale e la Biblioteca.

Museo Oskar Reinhart

Il Museo Oskar Reinhart è ospitato in un edifico neoclassico costruito tra il 1838 e 1842 e dal 1951 ospita le opere raccolte dal collezionista Reinhart dal 1907 anche se venne aperto al pubblico solo nel 1970, 5 anni dopo la sua morte. Le opere d’arte esposte appartengono a artisti tedeschi, austriaci e svizzeri dal XVIII al XX secolo con una particolare attenzione alla pittura francese del XIX secolo. Lavori impressionisti di Renoir, Cézanne e Monet, van Gogh, Picasso, tele di Rubens, Goya, El Greco, Tintoretto e Bruegel e il parco storico con le sue sculture costituiscono una suggestiva raccolta d’arte. Nel 1995 il museo è stato ristrutturato e ampliato dall’architetto Johann Frey.

Da non perdere Il Bäumli, il punto panoramico più famoso di Winterthur, da dove si può godere di una stupenda vista su tutta la città, sulle Alpi e sui vigneti. Le bizzarre formazioni di arenaria di Chöpfi, sul Wolfensberg.

Il sentiero di Winterthur, un percorso di 70 chilometri che corre lungo i confini della città. Il parco naturale di Bruderhaus. Una escursioni a San Gallo e sul lago di Costanza. Le Cascate del Reno.